American Heart Association
Aggiornamenti su Malattie del circolo polmonare
Associazione Silvia Procopio

Il controllo standard della pressione arteriosa rispetto al controllo intensivo migliora gli esiti delle malattie cardiovascolari negli anziani


Un obiettivo di pressione arteriosa sistolica inferiore a 120 mm Hg rispetto a un obiettivo inferiore a 140 mm Hg porta a tassi significativamente più bassi di eventi cardiovascolari fatali e non-fatali e di morte da qualsiasi causa.

Il target di trattamento appropriato per la pressione arteriosa sistolica ( SBP ) nei pazienti anziani con ipertensione è stato oggetto di studio.
Sono stati valutati gli effetti di obiettivi di SBP intensivi ( pressione inferiore a 120 mm Hg ), rispetto allo standard ( inferiore a 140 mm Hg ), in persone di età a partire da 75 anni con ipertensione, ma senza diabete mellito.

Uno studio clinico multicentrico, randomizzato, ha compreso i pazienti di età a partire da 75 anni che hanno partecipato allo studio SPRINT, Systolic Blood Pressure Intervention Trial.
Il reclutamento è iniziato nel 2010 e il follow-up si è concluso nel 2015.

I partecipanti sono stati randomizzati per una pressione sistolica target inferiore a 120 mm Hg ( gruppo di trattamento intensivo, n=1.317 ) o una pressione sistolica target inferiore a 140 mm Hg ( gruppo di trattamento standard, n=1.319 ).

L'esito primario di malattia cardiovascolare era un composito di infarto miocardico non-fatale, sindrome coronarica acuta non risultante in un infarto miocardico, ictus non-fatale, insufficienza cardiaca acuta scompensata non-fatale e morte per cause cardiovascolari.
La mortalità per tutte le cause era un risultato secondario.

Tra i 2.636 partecipanti ( età media, 79.9 anni; 37.9% donne ), 2.510 ( 95.2% ) hanno fornito dati completi di follow-up.

A un follow-up medio di 3.14 anni, c'è stato un tasso significativamente inferiore di esito primario composito ( 102 eventi nel gruppo di trattamento intensivo vs 148 eventi nel gruppo di trattamento standard; rapporto di rischio HR=0.66 ) e di mortalità per tutte le cause ( 73 decessi vs 107 decessi, rispettivamente, HR=0.67 ).

Il tasso globale di eventi avversi gravi non è stato differente tra i gruppi di trattamento ( 48.4% nel gruppo di trattamento intensivo vs 48.3% nel gruppo di trattamento standard; HR=0.99 ).

I tassi assoluti di ipotensione sono stati 2.4% nel gruppo di trattamento intensivo vs 1.4% nel gruppo di trattamento standard ( HR=1.71 ), 3.0% vs 2.4%, rispettivamente, per sincope ( HR=1.23 ), 4.0% vs 2.7% per alterazioni elettrolitiche ( HR=1.51 ), 5.5% vs 4.0% per danno renale acuto ( HR=1.41 ) e 4.9% vs 5.5% per cadute dannose ( HR=0.91 ).

In conclusione, tra gli adulti di età a partire da 75 anni, il trattamento con un obiettivo di pressione sistolica inferiore a 120 mm Hg, rispetto a un obiettivo inferiore a 140 mm Hg, ha portato a tassi significativamente più bassi di grandi eventi cardiovascolari fatali e non-fatali e di morte dovuta a qualsiasi causa. ( Xagena2016 )

Williamson JD et al, JAMA 2016; 315: 2673-2682

Cardio2016



Indietro