CardioPreventariab.it
Associazione Silvia Procopio
Prevenzione malattie cardiovascolari
Neurologia

I risultati pubblicati in precedenza dello studio SPRINT ( Systolic Blood Pressure Intervention Trial ) hanno dimostrato che tra i partecipanti con ipertensione e un aumento del rischio cardiovascolar ...


Gli studi hanno messo in discussione l'adeguatezza degli obiettivi di pressione sanguigna definiti. Si è ipotizzato che diversi livelli di bassa pressione sanguigna siano associati a beneficio per al ...


SPRINT ( Systolic Blood Pressure Intervention Trial ) ha dimostrato una riduzione del 27% nella mortalità per qualsiasi causa con un obiettivo di pressione arteriosa sistolica ( SBP ) inferiore a 120 ...


L'utilizzo del rischio di malattie cardiovascolari aterosclerotiche ( ASCVD ) per personalizzare gli obiettivi del trattamento per la pressione arteriosa sistolica ( SBP ) è un argomento di crescente ...


Un obiettivo di pressione arteriosa sistolica inferiore a 120 mm Hg rispetto a un obiettivo inferiore a 140 mm Hg porta a tassi significativamente più bassi di eventi cardiovascolari fatali e non-fata ...


Lo studio SPRINT ( Systolic Blood Pressure Intervention Trial ) ha dimostrato un beneficio nel ridurre la pressione sanguigna sistolica ( SBP ) a 120 mm Hg, ma altri studi, come HOPE-3 ( Heart Outcome ...


L’ipertensione e il diabete mellito spesso si presentano insieme e sinergicamente aumentano il rischio cardiovascolare. Tra coloro che sviluppano diabete mellito durante il trattamento per l'iperten ...


Le recenti linee guida sull'ipertensione raccomandano che, anche nell’alto rischio cardiovascolare, la pressione arteriosa dei pazienti ipertesi venga abbassata a meno di 140/90 mm Hg, dato che non so ...


I meccanismi di insufficienza del ventricolo destro nella ipertensione arteriosa polmonare ( PAH ) sono poco conosciuti. Le anomalie nel metabolismo degli acidi grassi sono state descritte in modell ...


I vantaggi del trattamento per l’abbassamento della pressione sanguigna per la prevenzione delle malattie cardiovascolari sono ben stabiliti. Tuttavia, la misura in cui questi effetti si differenziano ...


Le recenti linee guida sull’ipertensione hanno invertito le precedenti raccomandazioni per più bassi obiettivi di pressione sanguigna nei pazienti ad alto rischio, come in quelli con malattie cardiova ...


Le donne di 40 anni d’età o superiore che hanno fatto uso di contraccettivi orali possono andare incontro a un aumentato rischio di ipertensione oculare o di glaucoma auto-riferito. I dati sono sta ...


La denervazione renale ( RDN ) è una terapia per il trattamento dell'ipertensione resistente ( TRH ). Gli studi Symplicity HTN-1 e Symplicity HTN-2 hanno riportato tassi di risposta superiori all' ...


L'acido urico è associato ad aumentato rischio di malattie cardiovascolari e rigidità arteriosa nei pazienti con ipertensione o ictus. Non è noto se l'acido urico sia associato a rigidità arteriosa ...


È stato valutato l'impatto della normale pressione arteriosa verso gli alti valori, alla presentazione, sugli esiti clinici e sulla funzione cardiaca nei pazienti con infarto del miocardio con soprasl ...