ACC Meeting
Associazione Silvia Procopio
American Heart Association

Abbassamento della pressione sanguigna per la prevenzione della malattia cardiovascolare e della mortalità


I vantaggi del trattamento per l’abbassamento della pressione sanguigna per la prevenzione delle malattie cardiovascolari sono ben stabiliti. Tuttavia, la misura in cui questi effetti si differenziano in base a pressione arteriosa basale, presenza di comorbidità, o classe di farmaci è meno chiara.
È stata effettuata una revisione sistematica e una meta-analisi per chiarire queste differenze.

Per questa revisione sistematica e meta-analisi, sono stati ricercati studi sulla pressione arteriosa pubblicati tra il 1966 e il 2015.
Tutti gli studi randomizzati controllati sul trattamento per l’abbassamento della pressione sanguigna erano eleggibili per l'inclusione se avevano un minimo di 1.000 anni-paziente di follow-up in ogni braccio di studio.

Nessuno studio è stato escluso a causa della presenza di comorbidità al basale, e gli studi dei farmaci antipertensivi per indicazioni diverse dall'ipertensione erano ammissibili.

Sono stati identificati 123 studi con 613.815 partecipanti per la meta-analisi.

Le analisi di meta-regressione hanno mostrato una riduzione del rischio relativo proporzionale alla grandezza delle riduzioni della pressione arteriosa raggiunta.

Ogni riduzione della pressione arteriosa sistolica di 10 millimetri Hg ha ridotto significativamente il rischio di eventi cardiovascolari ( rischio relativo, RR=0.80 ), malattia coronarica ( RR=0.83 ), ictus ( RR=0.73 ), e insufficienza cardiaca ( RR=0.72 ), che, nelle popolazioni studiate, ha portato a una significativa riduzione del 13% nella mortalità per qualsiasi causa ( RR=0.87 ).

Tuttavia, l'effetto sulla insufficienza renale non è risultato significativo ( RR=0.95 ).

Riduzioni simili del rischio proporzionale ( per pressione arteriosa sistolica più bassa di 10 mm Hg ) sono state osservate in studi con più alti livelli basali medi di pressione sistolica e studi con più bassi livelli basali medi di pressione arteriosa sistolica media ( tutti P per tendenza maggiore di 0.05 ).

Non c'è stata alcuna chiara evidenza che la riduzione del rischio proporzionale nella malattia cardiovascolare maggiore differisse dalla storia della malattia di base, ad eccezione del diabete mellito e delle malattie renali croniche, per le quali sono state rilevate riduzioni più piccole, ma significative, di rischio.

I beta-bloccanti sono risultati inferiori ad altri farmaci per la prevenzione degli eventi cardiovascolari maggiori, ictus e insufficienza renale.

I calcio-antagonisti sono stati superiori ad altri farmaci per la prevenzione dell’ictus.

Per la prevenzione dello scompenso cardiaco, i bloccanti dei canali del calcio sono risultati inferiori e i diuretici sono stati superiori alle altre classi di farmaci.

Il rischio di confondimento è stato giudicato basso per 113 studi e poco chiaro per 10 studi.

L'eterogeneità per i risultati è stata da bassa a moderata; I2 statistica per l'eterogeneità per i grandi eventi cardiovascolari è stata del 41%, per la malattia coronarica del 25%, per l’ictus del 26%, per l'insufficienza cardiaca del 37%, per l’insufficienza renale del 28%, e per la mortalità per tutte le cause del 35%.

L’abbassamento della pressione sanguigna riduce in modo significativo il rischio vascolare attraverso vari livelli di pressione arteriosa basale e comorbidità.
I risultati hanno fornito un forte sostegno ad abbassare la pressione del sangue a una pressione arteriosa sistolica inferiore a 130 mm Hg e a fornire il trattamento per l’abbassamento della pressione sanguigna agli individui con una storia di malattia cardiovascolare, malattia coronarica, ictus, diabete, insufficienza cardiaca e malattia renale cronica. ( Xagena2016 )

Ettehad D et al, Lancet 2016; 387: 957-967

Cardio2016 Farma2016


Indietro