Cardiobase
Aggiornamenti in Aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Xagena Mappa

Abbassamento della pressione sanguigna e rischio di diabete mellito di tipo 2 di nuova insorgenza


L'abbassamento della pressione sanguigna è una strategia consolidata per prevenire le complicanze microvascolari e macrovascolari del diabete, ma il suo ruolo nella prevenzione del diabete stesso non è chiaro.
È stato esaminato questo ruolo utilizzando i dati di singoli partecipanti provenienti dai principali studi randomizzati controllati.

È stata eseguita una meta-analisi dei dati dei singoli partecipanti a uno stadio, in cui i dati sono stati raggruppati per studiare l'effetto dell'abbassamento della pressione sanguigna di per sé sul rischio di diabete di tipo 2 di nuova insorgenza.

Una meta-analisi di dati dei singoli partecipanti è stata utilizzata per studiare gli effetti differenziali di cinque principali classi di farmaci antipertensivi sul rischio di diabete di tipo 2 di nuova insorgenza.
Complessivamente, i dati di 22 studi condotti tra il 1973 e il 2008 sono stati ottenuti da BPLTTC ( Blood Pressure Lowering Treatment Trialists' Collaboration ) ( Oxford University ).

Sono stati inclusi tutti gli studi di prevenzione primaria e secondaria che utilizzavano una o più classi di farmaci antipertensivi rispetto al placebo o ad altre classi di farmaci per la riduzione della pressione sanguigna con almeno 1.000 anni-persona di follow-up in ciascun braccio assegnato in modo casuale.
Sono stati esclusi i partecipanti con una diagnosi nota di diabete mellito al basale e gli studi condotti in pazienti con diabete prevalente.

Sono stati inclusi nella meta-analisi dei dati dei singoli partecipanti a uno stadio 145.939 pazienti ( 88.500 uomini, 60.6%, e 57.429 donne, 39.4% ) provenienti da 19 studi randomizzati controllati.
22 studi sono stati inclusi nella meta-analisi della rete di dati dei singoli partecipanti.

Dopo un follow-up mediano di 4.5 anni, a 9.883 partecipanti è stato diagnosticato diabete di tipo 2 di nuova insorgenza.
La riduzione della pressione arteriosa sistolica di 5 mm Hg ha ridotto il rischio di diabete di tipo 2 in tutti gli studi dell'11% ( hazard ratio, HR=0.89 ).

L'indagine sugli effetti di cinque classi principali di farmaci antipertensivi ha mostrato che, rispetto al placebo, gli inibitori dell'enzima di conversione dell'angiotensina ( RR=0.84 ) e i bloccanti del recettore dell'angiotensina II ( RR=0.84 ) hanno ridotto il rischio di diabete di tipo 2 di nuova insorgenza.

Tuttavia, l'uso di beta-bloccanti ( RR=1.48 ) e diuretici tiazidici ( RR=1.20 ) ha aumentato questo rischio e non è stato riscontrato alcun effetto materiale per i calcioantagonisti ( RR=1.02 ).

L'abbassamento della pressione sanguigna è una strategia efficace per la prevenzione del diabete di tipo 2 di nuova insorgenza.
Interventi farmacologici consolidati, tuttavia, hanno effetti qualitativamente e quantitativamente diversi sul diabete, probabilmente a causa dei loro diversi effetti off-target, con gli inibitori dell'enzima di conversione dell'angiotensina e i bloccanti del recettore dell'angiotensina II che hanno gli esiti più favorevoli.

Questa evidenza supporta l'indicazione per classi selezionate di farmaci antipertensivi per la prevenzione del diabete mellito, che potrebbero ulteriormente affinare la selezione della scelta del farmaco in base al rischio clinico di diabete di un individuo. ( Xagena2021 )

Nazarzadeh M et al, Lancet 2021; 398: 1803-1810

Cardio2021 Endo2021 Farma2021


Indietro