Aggiornamenti in aritmologia
52 convegno cardiologia milano
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
XagenaNewsletter

Associazione tra controllo intensivo e standard della pressione arteriosa e lesioni della materia bianca cerebrale


L'effetto dell'intenso abbassamento della pressione sanguigna sulla salute del cervello rimane incerto.
È stata valutata l'associazione tra trattamento intensivo della pressione arteriosa e lesioni cerebrali della materia bianca e volumi cerebrali.

È stato condotto un sottostudio di uno studio clinico multicentrico randomizzato su adulti ipertesi di età pari o superiore a 50 anni senza storia di diabete mellito o ictus in 27 siti negli Stati Uniti.
La randomizzazione è iniziata nel 2010.
Lo studio generale è stato interrotto precocemente a causa dei benefici per il suo esito primario ( un composito di eventi cardiovascolari ) e mortalità per qualsiasi causa nel 2015.
La risonanza magnetica ( MRI ) cerebrale è stata eseguita su un sottoinsieme di partecipanti al basale ( n=670 ) e a 4 anni di follow-up ( n=449 ).

La data finale del follow-up finale è stata giugno 2016.

I partecipanti sono stati randomizzati a raggiungere un obiettivo di pressione arteriosa sistolica ( SBP ) inferiore a 120 mm Hg ( trattamento intensivo, n=355 ) o inferiore a 140 mm Hg ( trattamento standard, n=315 ).

L'esito primario era la variazione del volume totale delle lesioni della materia bianca rispetto al basale.
Il cambiamento nel volume totale del cervello era un esito secondario.

Tra i 670 pazienti reclutati che avevano una risonanza magnetica al basale ( età media, 67.3 anni; 40.4% donne ), 449 ( 67.0% ) hanno completato la risonanza magnetica di follow-up a una mediana di 3.97 anni dopo la randomizzazione, dopo un periodo di intervento mediano di 3.40 anni.

Nel gruppo di trattamento intensivo, basato su un robusto modello lineare misto, il volume medio della lesione della sostanza bianca è aumentato da 4.57 a 5.49 cm3 ( differenza, 0.92 cm3 ) rispetto a un aumento da 4.40 a 5.85 cm3 ( differenza, 1.45 cm3 ) nel gruppo di trattamento standard ( differenza tra i gruppi nella variazione, -0.54 cm3 ).

Il volume medio totale del cervello è diminuito da 1.134.5 a 1.104.0 cm3 ( differenza, -30.6 cm3 ) nel gruppo di trattamento intensivo rispetto a una riduzione da 1.134.0 a 1.107.1 cm3 ( differenza, -26.9 cm3 ) nel gruppo di trattamento standard ( differenza tra i gruppi nella variazione, -3.7 cm3 ).

Tra gli adulti ipertesi, il target di una pressione sistolica inferiore a 120 mm Hg, rispetto a meno di 140 mm Hg, è risultato significativamente associato a un minore aumento del volume della lesione cerebrale della sostanza bianca e a una maggiore diminuzione del volume cerebrale totale, sebbene le differenze fossero piccole. ( Xagena2019 )

The SPRINT MIND Investigators for the SPRINT Research Group, JAMA 2019; 322: 524-534

Cardio2019 Neuro2019



Indietro