Cardiobase
Aggiornamenti in Aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Xagena Mappa

Calcioantagonisti versus altre classi di farmaci antipertensivi: effetto sulle patologie cardiovascolari e sugli eventi MACE


Una meta-analisi di studi randomizzati controllati ( RCT ) ha mostrato che i decessi per tutte le cause non erano diversi tra i calcioantagonisti di prima linea e altri farmaci per abbassare la pressione arteriosa di prima linea, e confronti per ridurre l'incidenza di eventi avversi maggiori gli eventi cardiovascolari sono stati moderati o deboli, senza lasciare una conclusione forte sui vantaggi o gli svantaggi dei calcioantagonisti.

I ricercatori hanno cercato di determinare se l'incidenza di eventi cardiovascolari avversi maggiori ( MACE ) fosse ridotta se i calcioantagonisti fossero stati impiegati come terapia di prima linea per l'ipertensione rispetto ad altre classi di farmaci antipertensivi.

I dati di 153.849 partecipanti con una storia di ipertensione sono stati ottenuti da più database.
I ricercatori hanno trovato 23 studi randomizzati condotti in Giappone, Israele, Nord America, Oceania ed Europa fino al 1 settembre 2020.
Per essere inclusi nell'analisi, gli studi dovevano aver arruolato almeno 100 partecipanti ipertesi, assegnati in modo casuale, confrontando i calcioantagonisti con altre classi di antipertensivi, e dovevano avere un follow-up di almeno 2 anni.
La maggior parte degli studi inclusi erano multicentrici con protocolli standardizzati.

Dall'analisi è emersa che la mortalità per qualsiasi causa tra calcioantagonisti e altre classi di farmaci antipertensivi non era diversa.
I calcioantagonisti possono essere associati a un aumento degli eventi cardiovascolari maggiori rispetto ai diuretici ( rapporto di rischio [ RR ] 1.05; IC 95%, 1.00-1.09; P = 0.03 ) e a un aumento degli eventi di insufficienza cardiaca congestizia ( RR 1.37; IC 95%, 1.25-1.51; evidenza moderata ).

Rispetto ai beta-bloccanti, i calcioantagonsti hanno ridotto gli esiti per eventi cardiovascolari maggiori ( RR 0.84; IC 95%, 0.77-0.92 ), ictus ( RR 0.77; IC 95%, 0.67-0.88; evidenza di certezza moderata ) e mortalità cardiovascolare ( RR 0.90; IC 95%, 0.81-0.99; evidenza bassa ).

I calcioantagonisti hanno ridotto l'ictus rispetto agli ACE-inibitori ( RR 0.90; IC 95%, 0.81-0.99; evidenza di certezza bassa ) ma hanno aumentato l'insufficienza cardiaca congestizia ( RR 1.16; IC 95%, 1.06-1.28; evidenza bassa ).

I calcioantagonisti hanno ridotto l'infarto miocardico rispetto ai bloccanti del recettore dell'angiotensina ( ARB; sartani ) ( RR=0.82; IC 95%, 0.72-0.94; evidenza moderata ), ma hanno aumentato l'insufficienza cardiaca congestizia ( RR 1.20; IC 95%, 1.06-1.36; evidenza bassa ).

L'analisi ha presentato alcune limitazioni. I dati per tutti gli endpoint desiderati non erano disponibili per ogni studio. I partecipanti nella maggioranza degli studi tendevano ad avere un'ipertensione avanzata o più complicata e, in questa analisi, sono stati esclusi quelli con ipertensione grave o acuta. C'erano anche dati insufficienti per alcuni confronti di sottogruppi.

I ricercatori hanno concluso che, per il trattamento dell'ipertensione, l'evidenza ha indicato con evidenza moderata che i diuretici riducono l'insufficienza cardiaca congestizia e gli eventi cardiovascolari maggiori in modo più efficace rispetto ai calcioantagonisti.
E' stata riscontrata una evidenza da bassa a moderata che i calcioantagonisti siano in grado di ridurre l'ictus versus gli ACE-inibitori e l'infarto del miocardio versus i sartani, aumentando allo stesso tempo l'insufficienza cardiaca congestizia rispetto a entrambe le classi farmacologiche.

Poichè molte delle differenze riscontrate nell'attuale revisione non sono solide, sono necessari studi randomizzati ben progettati che studino la mortalità e la morbilità degli individui che assumono calcioantagonisti rispetto ad altre classi di farmaci antipertensivi per i pazienti con diversi stadi di ipertensione, età diverse e con diverse comorbidità come il diabete mellito. ( Xagena2022 )

Fonte: Cochrane Database of Systematic Reviews, 2022

Cardio2022 Farma2022


Indietro