Aggiornamenti in aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
52 convegno cardiologia milano
Associazione Silvia Procopio

Controllo intensivo della pressione arteriosa sistolica e malattia renale cronica incidente nelle persone con e senza diabete mellito


Le lineeguida, tra cui quelle dell’American College of Cardiology ( ACC ) e dell'American Heart Association ( AHA ) del 2017, raccomandano un controllo più stretto della pressione sistolica nelle persone con diabete mellito di tipo 2.
Tuttavia, non è chiaro se l'abbassamento intensivo della pressione sistolica aumenti l'incidenza della malattia renale cronica in questa popolazione.

Sono stati confrontati gli effetti del controllo intensivo della pressione arteriosa sistolica sulla malattia renale cronica incidente nelle persone con e senza diabete di tipo 2.

Lo studio SPRINT ( Systolic Blood Pressure Intervention Trial ) aveva esaminato gli effetti di un obiettivo di pressione arteriosa sistolica inferiore a 120 mm Hg ( intervento intensivo ) rispetto a un obiettivo inferiore a 140 mm Hg ( intervento standard ) in soggetti senza diabete.

Lo studio ACCORD ( Action to Control Cardiovascular Risk in Diabetes ) aveva esaminato un analogo intervento sistolico nelle persone con diabete di tipo 2.

È stata condotta una analisi secondaria dei dati di SPRINT e ACCORD ottenuti dal National Institutes of Health 8 NIH ).

Tra i partecipanti senza malattia renale cronica al basale ( n=4.311 nello studio ACCORD, n=6.715 nello studio SPRINT ), sono stati correlati gli interventi sistolici ( intensivo versus standard ) alla malattia renale cronica incidente ( definita come riduzione superiore al 30% nel tasso di filtrazione glomerulare stimata [ eGFR ] fino a inferiore a 60 ml/min per 1.73 m2 ).

La differenza media della pressione arteriosa sistolica tra gli interventi intensivi e quelli standard è stata di 13.9 mm Hg nello studio ACCORD e di 15.2 mm Hg nello studio SPRINT.

A 3 anni, l'incidenza cumulativa di malattia renale cronica nello studio ACCORD è stata del 10% con l'intervento intensivo e del 4.1% con l'intervento standard ( differenza assoluta di rischio 5.9% ).
I valori corrispondenti in SPRINT erano 3.5% e 1.0% ( differenza assoluta di rischio 2.5% ).
La differenza assoluta di rischio era significativamente più alta nello studio ACCORD rispetto allo studio SPRINT ( P=0.0001 per l'interazione ).

Un abbassamento intensivo della pressione arteriosa sistolica ha aumentato il rischio di malattia renale cronica incidente nelle persone con e senza diabete di tipo 2.
Tuttavia, il rischio assoluto di malattia renale cronica incidente è risultato più alto nelle persone con diabete di tipo 2.

I risultati suggeriscono la necessità di monitorare la funzionalità renale durante trattamento antipertensivo intensivo, in particolare negli adulti con diabete.
Sono necessari studi a lungo termine per comprendere le implicazioni cliniche delle riduzioni di eGFR correlate al trattamento antipertensivo. ( Xagena2018 )

Beddhu S et al, Lancet Diabetes Endocrinol 2018; 6: 555-563

Endo2018 Cardio2018 Nefro2018



Indietro