Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Cardiobase
Aggiornamenti in Aritmologia
Xagena Mappa

Denervazione renale ad ultrasuoni per l'ipertensione resistente a una pillola a triplo farmaco: studio RADIANCE-HTN TRIO


La denervazione renale endovascolare riduce la pressione sanguigna nei pazienti con ipertensione da lieve a moderata, ma la sua efficacia nei pazienti con ipertensione realmente resistente non è stata dimostrata.
Sono state valutate l'efficacia e la sicurezza della denervazione renale ecografica endovascolare nei pazienti con ipertensione resistente a tre o più farmaci antipertensivi.

Nello studio RADIANCE-HTN TRIO, randomizzato, controllato con sham ( simulazione ), internazionale, multicentrico, in singolo cieco, condotto in 28 centri terziari negli Stati Uniti e in 25 in Europa, sono stati inclusi pazienti di età compresa tra 18 e 75 anni con pressione sanguigna ambulatoriale di almeno 140/90 mm Hg nonostante tre o più farmaci antipertensivi compreso un diuretico.

I pazienti idonei sono passati a una combinazione di una singola pillola una volta al giorno, a dose fissa, di un calcioantagonista, un bloccante del recettore dell'angiotensina ( sartano ) e un diuretico tiazidico.
Dopo 4 settimane di terapia standardizzata, i pazienti con pressione sanguigna ambulatoriale diurna di almeno 135/85 mm Hg sono stati assegnati in modo casuale, stratificando per i centri, alla denervazione renale ecografica o a una procedura simulata.
L'aggiunta di farmaci antipertensivi era consentita se venivano superate le soglie di pressione sanguigna specificate.

L'endpoint primario era la variazione della pressione arteriosa sistolica ambulatoriale diurna a 2 mesi nella popolazione intention-to-treat.
Anche la sicurezza è stata valutata nella popolazione intent-to-treat.

Tra il 2016 e il 2020, sono stati arruolati 989 partecipanti e 136 sono stati assegnati in modo casuale alla denervazione renale ( n=69 ) o a una procedura simulata ( n=67 ).
La piena aderenza ai farmaci combinati a 2 mesi tra i pazienti con campioni di urina è stata simile in entrambi i gruppi ( 42 su 51, 82%, nel gruppo con denervazione renale vs 47 su 57, 82%, nel gruppo con procedura simulata; P=0.99 ).

La denervazione renale ha ridotto la pressione sistolica ambulatoriale diurna più della procedura simulata ( -8.0 mm Hg vs -3.0 mm Hg; differenza mediana tra i gruppi -4.5 mm Hg; P aggiustato=0.022 ); la differenza mediana tra i gruppi è stata di -5.8 mm Hg ( P aggiustato=0.0051 ) tra i pazienti con dati di pressione sanguigna ambulatoriali completi.
Non ci sono state differenze negli esiti di sicurezza tra i due gruppi.

Rispetto a una procedura simulata, la denervazione renale mediante ultrasuoni ha ridotto la pressione sanguigna a 2 mesi nei pazienti con ipertensione resistente a una pillola a tripla combinazione standardizzata.
Se l'effetto ipotensivo e la sicurezza della denervazione renale verranno mantenuti a lungo termine, la denervazione renale potrebbe essere un'alternativa all'aggiunta di ulteriori farmaci antipertensivi nei pazienti con ipertensione resistente. ( Xagena2021 )

Azizi M et al, Lancet 2021; 397: 2476-2486

Cardio2021 Nefro2021



Indietro