Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
52 convegno cardiologia milano
Aggiornamenti in aritmologia
Associazione Silvia Procopio

Diversi dispositivi e tecniche di denervazione renale nei pazienti con ipertensione resistente: studio RADIOSOUND-HTN


Sia la denervazione simpatica renale ( RDN ) endovascolare con ultrasuoni sia quella con radiofrequenza hanno dimostrato efficacia clinica per il trattamento dell'ipertensione.
È stato eseguito un confronto testa-a-testa di queste tecnologie.

I pazienti con ipertensione resistente sono stati assegnati in modo casuale a essere sottoposti a denervazione simpatica renale con radiofrequenza delle principali arterie renali; denervazione simpatica renale con radiofrequenza delle principali arterie renali, rami laterali e accessori; denervazione simpatica renale endovascolare basata su ultrasuoni dell'arteria renale principale.

L'endpoint primario era il cambiamento della pressione arteriosa sistolica diurna a 3 mesi.

Tra il 2015 e il 2018 sono stati arruolati 120 pazienti ( età media 64 anni, pressione arteriosa media diurna 153/86 mm Hg ).
Di questi, 39 sono stati assegnati in modo casuale all'ablazione dell'arteria renale principale con radiofrequenza, 39 all'ablazione combinata con radiofrequenza dell'arteria principale e dei rami e 42 al trattamento basato sugli ultrasuoni.
La pressione sanguigna diurna al basale, le caratteristiche cliniche e il trattamento erano ben bilanciati tra i gruppi.

A 3 mesi, la pressione arteriosa sistolica diurna è diminuita di 9.5 mm Hg ( P minore di 0.001 ) nell'intera coorte.
Sebbene la pressione sanguigna fosse significativamente più ridotta nel gruppo di ablazione con ultrasuoni rispetto al gruppo di ablazione dell'arteria renale principale con radiofrequenza ( -13.2 vs -6.5 mm Hg; differenza media -6.7 mm Hg; P globale=0.038 per ANOVA, P aggiustato=0.043 ), nessuna differenza significativa è stata trovata tra i gruppi di ablazione con radiofrequenza ( -8.3 mm Hg per ablazione del ramo laterale aggiuntiva; differenza media, -1.8 mm Hg; P aggiustato maggiore di 0.99 ).

Allo stesso modo, la riduzione della pressione arteriosa non è risultata significativamente diversa tra i gruppi di ablazione con ultrasuoni e dei rami laterali.
Le frequenze di risposta della pressione arteriosa maggiore o uguale a 5 mm Hg non sono risultate significativamente differenti ( P globale=0.77 ).

Nei pazienti con ipertensione resistente, la denervazione simpatica renale endovascolare basata sugli ultrasuoni è risultata superiore all'ablazione con radiofrequenza delle arterie renali principali, mentre un approccio combinato di ablazione con radiofrequenza delle arterie principali, accessorie e dei rami laterali non è risultata superiore. ( Xagena2019 )

Fengler K et al, Circulation 2019; 139: 590-600

Cardio2019



Indietro