Aggiornamenti in Aritmologia
Cardiobase
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Xagena Mappa

Effetti della classe dei farmaci antipertensivi sulla variazione interindividuale di pressione sanguigna e rischio di ictus


Le differenze non facili da spiegare tra le classi di farmaci anti-ipertensivi per quanto riguarda la loro efficacia nel prevenire l'ictus potrebbero essere dovute a effetti della classe farmacologica sulla variabilità intra-individuale nella pressione sanguigna.

Ricercatori del John Radcliffe Hospital, a Oxford in Gran Bretagna, hanno compiuto una revisione sistematica per valutare questi effetti in studi randomizzati e controllati.

Il valore medio della pressione sanguigna sistolica al follow-up è stato riportato in 389 ( 28% ) dei 1372 studi idonei a essere inclusi nell'analisi.

È stata osservata una sostanziale eterogeneità tra gli studi nel rapporto delle varianze ( VR ) [ p minore di 1 x 10(-40) ], il 68% di questa era attribuibile alla classe farmacologica utilizzata.

Rispetto ad altri farmaci, la variazione interindividuale nella pressione sanguigna sistolica è risultata ridotta con i bloccanti del canale del calcio, detti anche calcioantagonisti, ( VR=0.81; p minore di 0.0001 ) e i farmaci diuretici non dell'ansa ( VR=0.87; p=0.007 ), e aumentata con gli Ace inibitori ( VR=1.08; p=0.008 ), i bloccanti del recettore dell'angiotensina II, anche detti sartani ( VR=1.16; p=0.0002 ), e i beta-bloccanti ( VR=1.17; p=0.0007 ).

Rispetto al solo placebo, la variazione interindividuale della pressione sanguigna sistolica è stata ridotta in misura maggiore con i calcioantagonisti ( VR=0.76; p minore di 0.0001 ).

Gli effetti erano coerenti negli studi con disegno a gruppi paralleli e crossover, e nelle analisi dose-risposta.

In tutti gli studi, gli effetti del trattamento sul rapporto delle varianze di pressione sanguigna sistolica ( r2=0.372; p=0.0006 ) e sulla pressione sanguigna sistolica media ( r2=0.328; p=0.0015 ) erano responsabili degli effetti sul rischio di ictus ( odds ratio, OR=0.79, p minore di 0.0001 per VR inferiore o uguale a 0.80 ), ed entrambi sono rimasti significativi in un modello combinato.

In conclusione, gli effetti della classe farmacologica sulla variazione interindividuale della pressione sanguigna possono rendere conto delle differenze negli effetti dei farmaci antipertensivi sul rischio di ictus indipendentemente dagli effetti sulla pressione sanguigna sistolica media. ( Xagena2010 )

Webb AJ et al, Lancet 2010; 375: 906-15



Farma2010 Cardio2010 Neuro2010




Indietro