Aggiornamenti in Aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Cardiobase
Xagena Mappa

Resistenza vascolare polmonare ed esiti clinici nei pazienti con ipertensione polmonare


Nei sottogruppi di ipertensione polmonare, una resistenza vascolare polmonare ( PVR ) elevata di 3.0 unità di Wood o superiore è associata a prognosi sfavorevole.
Tuttavia, lo spettro del rischio di resistenza vascolare polmonare nell'ipertensione polmonare non è noto.
Per affrontare questa area di incertezza, è stata analizzata la relazione tra resistenza vascolare polmonare ed esiti clinici avversi nell'ipertensione polmonare.

È stato condotto uno studio di coorte retrospettivo su tutti i pazienti sottoposti a cateterismo cardiaco destro ( RHC ) nel sistema sanitario statunitense Veterans Affairs tra il 2007 e il 2016.
I pazienti sono stati inclusi nelle analisi se erano disponibili dati da un cateterismo cardiaco destro completo e almeno 1 anno di follow-up.

Sono stati inclusi sia pazienti ricoverati che ambulatoriali, ma sono stati esclusi gli individui con dati mancanti su pressione arteriosa polmonare media ( mPAP ), pressione di cuneo dell'arteria polmonare o gittata cardiaca.

La misura di esito principale era il tempo alla mortalità per tutte le cause valutato dai dati sullo stato vitale dei Veteran Affairs.

La coorte primaria ( n=40.082; 38.751 maschi, 96.7%; età mediana 66.5 anni; follow-up mediano 1.153 giorni ) ha incluso pazienti con una storia di insufficienza cardiaca ( 23.201, 579% ) e malattia polmonare ostruttiva cronica ( 13.348, 33.3% ).

È stata posta maggiore attenzione ai pazienti a rischio di ipertensione polmonare sulla base di una mPAP di almeno 19 mm Hg ( 32.725 su 40.082, 81.6% ).

Quando è stato modellato come una variabile continua, il rischio di mortalità per tutte le cause per resistenza vascolare polmonare è aumentato a circa 2.2 unità di Wood rispetto a resistenza vascolare polmonare di 1.0 unità di Wood.

Tra i pazienti con mPAP di almeno 19 mm Hg e una pressione di cuneo dell'arteria polmonare di 15 mm Hg o inferiore, l'hazard ratio ( HR ) aggiustato per la mortalità è stato 1.71 ( P minore di 0.0001 ) e per il ricovero per insufficienza cardiaca è stato 1.27 ( P=0.0001 ), quando si è confrontata una resistenza vascolare polmonare di 2.2 unità di Wood o superiore con una inferiore a 2.2 unità di Wood.

La coorte di validazione ( n=3.699, 1.860 maschi, 50.3%, età mediana 60.4 anni; follow-up mediano 1.752 giorni ) comprendeva 2.870 pazienti, 77.6%, con mPAP di almeno 19 mm Hg ( 1.418 maschi, 49.4% ).

L'hazard ratio aggiustato di mortalità per i pazienti nel gruppo mPAP di 19 mm Hg o superiore e con resistenza vascolare polmonare di 2.2 unità di Wood o superiore e pressione di cuneo dell'arteria polmonare di 15 mm Hg o inferiore ( 1.221 su 2.870, 42.5% ) è stato 1.81 ( P=0.0002 ).

Questi dati hanno ampliato il continuum del rischio clinico di mortalità e insufficienza cardiaca nei pazienti che hanno subito cateterismo cardiaco destro con pressione arteriosa polmonare elevata fino a includere resistenza vascolare polmonare di circa 2.2 unità di Wood e oltre.
È giustificato esaminare la generalizzabilità di questi risultati nelle popolazioni a rischio con minori comorbilità cardiopolmonari. ( Xagena2020 )

Maron BA et al, Lancet Respiratory Medicine 2020; 8: 873-884

Cardio2020 Pneumo2020



Indietro