Aggiornamenti in aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
52 convegno cardiologia milano
Associazione Silvia Procopio

Terapia di combinazione iniziale con Ambrisentan e Tadalafil nella ipertensione arteriosa polmonare associata a malattia del tessuto connettivo


I pazienti con ipertensione arteriosa polmonare associata a malattia del tessuto connettivo ( CTD-PAH ), in particolare sclerosi sistemica ( SSc ), hanno presentato una risposta attenuata rispetto a ipertensione arteriosa polmonare ( PAH ) idiopatica nella maggior parte degli studi. 
Vi è quindi incertezza per quanto riguarda il beneficio della terapia mirata alla ipertensione arteriosa polmonare in alcune forme di CTD-PAH.

E' stata esaminata la sicurezza e l'efficacia della terapia di combinazione iniziale con Ambrisentan e Tadalafil rispetto alla monoterapia con Ambrisentan ( Volibris ) o Tadalafil ( Adcirca ) nei pazienti con ipertensione polmonare associata a malattia del tessuto connettivo e associata a sclerosi sistemica, arruolati nello studio AMBITION, che ha arruolato pazienti con ipertensione arteriosa polmonare in classe funzionale WHO II / III.

E' stata effettuata una analisi post hoc, utilizzando i dati dello studio AMBITION, riguardo ai pazienti con ipertensione arteriosa polmonare associata a CTD e a Ssc.
I pazienti naive-al-trattamento ( mai trattati ) erano stati randomizzati alla terapia una volta al giorno con combinazione iniziale di Ambrisentan più Tadalafil o alla monoterapia rispettivamente con Ambrisentan o Tadalafil.

L'endpoint primario era il tempo al primo evento clinico di fallimento ( prima occorrenza di morte, ospedalizzazione per peggioramento della ipertensione arteriosa polmonare, progressione della malattia o risposta clinica insoddisfacente a lungo termine ).

Nel set di analisi primaria ( n=500 ), 187 pazienti presentavano ipertensione arteriosa polmonare associata a malattie del tessuto connettivo, dei quali 118 avevano ipertensione arteriosa polmonare associata a sclerosi sistemica.
La terapia di combinazione iniziale ha ridotto il rischio di fallimento clinico rispetto alla monoterapia ( dati aggregati ) in ciascun sottogruppo: CTD-PAH ( hazard ratio, HR=0.43 ) e SSc-PAH ( HR=0.44 ).

Gli eventi avversi più comuni sono stati: edema periferico, che è stato riportato più frequentemente con la terapia di combinazione iniziale rispetto alla monoterapia nei due sottogruppi di ipertensione arteriosa polmonare. 
La frequenza relativa di eventi avversi tra i soggetti in terapia di combinazione rispetto a quelli in monoterapia era simile tra i sottogruppi.

In conclusione, questa analisi post hoc di sottogruppo ha fornito l'evidenza che i pazienti con ipertensione arteriosa polmonare associata a malattia del tessuto connettivo e a sclerosi sistemica, traggono benefici dalla terapia di combinazione iniziale con Ambrisentan e Tadalafil. ( Xagena2016 )

Coghlan JG et al, Ann Rheum Dis 2016 ; Epub ahead of print

Cardio2016 Pneumo2016 Farma2016


Indietro