52 convegno cardiologia milano
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in aritmologia
Associazione Silvia Procopio

Titolazione farmacologica per il controllo dell'ipertensione dopo denervazione renale endovascolare o procedura simulata: risultati a 6 mesi dello studio RADIANCE-HTN SOLO


Lo studio RADIANCE-HTN SOLO multicentrico, internazionale, randomizzato, in cieco, controllato con procedura sham [ finto trattamento ] ( A Study of the ReCor Medical Paradise System in Clinical Hypertension ) ha dimostrato una riduzione maggiore di 6.3 mm Hg della pressione arteriosa sistolica diurna a 2 mesi da parte della denervazione renale endovascolare rispetto a una procedura simulata tra i pazienti non-trattati con farmaci antipertensivi. V

Sono stati riportati i risultati a 6 mesi dopo l'aggiunta di un trattamento antipertensivo standardizzato raccomandato alla procedura endovascolare randomizzata in cieco continuo al trattamento iniziale.

I pazienti con pressione arteriosa diurna extra-ospedaliera maggiore o uguale a 135/85 mm Hg e inferiore a 170/105 mm Hg dopo una sospensione di 4 settimane di un massimo di 2 farmaci antipertensivi e una adeguata anatomia dell'arteria renale, sono stati randomizzati a denervazione renale ( n=74 ) o sham ( n=72 ).
I pazienti dovevano rimanere senza farmaci antipertensivi durante i primi 2 mesi di follow-up a meno che non fossero stati superati i criteri di sicurezza della pressione arteriosa.

Tra 2 e 5 mesi, se la pressione misurata mensilmente era maggiore o uguale a 135/85 mm Hg, si raccomandava un trattamento antipertensivo standardizzato a fasi consistente nell'aggiunta sequenziale di Amlodipina ( 5 mg/die ), una dose standard di inibitore dell'enzima di conversione dell'angiotensina / bloccante del recettore dell'angiotensina e Idroclorotiazide ( 12.5 mg/die ), seguito da up-titolazione sequenziale di Idroclorotiazide ( 25 mg/die ) e Amlodipina ( 10 mg/die ).

In totale 69/74 pazienti con denervazione renale e 71/72 pazienti con procedura simulata hanno completato la misurazione della pressione a livello ambulatoriale a 6 mesi.

A 6 mesi, il 65.2% dei pazienti nel gruppo denervazione renale è stato sottoposto a trattamento antiipertensivo standardizzato a fasi rispetto all'84.5% nel gruppo simulazione ( P=0.008 ), e il numero medio di farmaci antiipertensivi e la dose giornaliera definita sono risultati inferiori nel gruppo denervazione renale rispetto al gruppo simulazione ( 0.9 vs 1.3, P=0.010 e 1.4 vs 2.0, P=0.018; rispettivamente ).

Nonostante il trattamento antiipertensivo standardizzato meno intensivo, la denervazione renale ha ridotto la pressione sistolica ambulatoriale diurna in misura maggiore rispetto alla procedura simulata ( -18.1 vs -15.6 mm Hg, rispettivamente; differenza adattata per pressione basale e numero di farmaci: -4.3 mm Hg, P=0.024 ).

Non ci sono stati eventi avversi importanti in entrambi i gruppi per 6 mesi.

L'effetto di abbassamento della pressione arteriosa della denervazione renale endovascolare si è mantenuto a 6 mesi con meno farmaci antipertensivi prescritti rispetto alla procedura simulata. ( Xagena2019 )

Azizi M et al, Circulation 2019; 139: 2542-2553

Cardio2019 Nefro2019 Chiru2019 Farma2019


Indietro