Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in aritmologia
52 convegno cardiologia milano
Associazione Silvia Procopio

Troponina T cardiaca ad alta sensibilità e rischio di ipertensione


La diagnosi di ipertensione è spesso preceduta da anomalie strutturali cardiache. Si è valutato se la troponina T cardiaca ad alta sensibilità ( hs-cTnT ), un marcatore di danno miocardico subclinico, possa identificare i soggetti a rischio di ipertensione o ipertrofia ventricolare sinistra.

Sono stati studiati 6.516 partecipanti allo studio ARIC (Atherosclerosis Risk in Communities) che erano liberi da ipertensione e malattie cardiovascolari prevalenti al basale ( 1990-1992 ).

È stata esaminata l'associazione di categorie basali di hs-cTnT con ipertensione incidente diagnosticata ( definita da rapporti autoriferiti di diagnosi o di farmaci in uso durante un massimo di 19.9 anni di follow-up ) e con ipertensione incidente sulla base della visita ( definita da rapporti autoriferiti, uso di farmaci, o pressione sanguigna maggiore di 140/90 mm Hg in 6 anni ).

Rispetto a hs-cTnT inferiore a 5 ng/l, l’hazard ratio aggiustato ( aHR ) per l'ipertensione incidente diagnosticata è stato di 1.16 per gli individui con hs-cTnT da 5 a 8 ng/l, 1.29 per hs-cTnT da 9 a 13 ng/l, e 1.31 per hs-cTnT maggiore o uguale a 14ng/l ( P per trend minore di 0.001 ).

Le associazioni erano più forti per l'ipertensione incidente in base alla visita.
Queste associazioni sono state guidate da maggiore rischio relativo in persone normotese ( rispetto a quelle con pre-ipertensione; P per interazione=0.001 ).

I valoiri di hs-cTnT al basale sono anche risultati fortemente associati a ipertrofia ventricolare sinistra incidente in base a elettrocardiografia nel corso di 6 anni ( ad esempio, aHR=5.19 per hs-cTnT maggiore o uguale a 14 vs inferiore a 5 ng/l ).

I risultati non sono sensibilmente cambiati dopo aver confrontato i decessi o dopo aver corretto i dati in base ai livelli basali di pressione arteriosa o del frammento N-terminale del pro-peptide natriuretico cerebrale.

In conclusione, in una popolazione ambulatoriale senza storia di malattia cardiovascolare, la troponina T cardiaca ad alta sensibilità è risultata associata a ipertensione incidente e al rischio di ipertrofia ventricolare sinistra.
Sono necessarie ulteriori ricerche per determinare se la troponina T cardiaca ad alta sensibilità sia in grado di identificare le persone che possono trarre beneficio dal monitoraggio ambulatoriale della pressione arteriosa o da strategie di stile di vita per la prevenzione dell’ipertensione. ( Xagena2015 )

McEvoy JW et al, Circulation 2015; 132: 825-833

Cardio2015



Indietro