52 convegno cardiologia milano
Aggiornamenti in aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Associazione Silvia Procopio

Un obiettivo di pressione sistolica inferiore a 140 mmHg è adatto a tutti gli ipertesi ?


Le principali lineeguida raccomandano di abbassare la pressione sistolica a livelli inferiori a 140 mmHg in tutti i pazienti ipertesi, ma non sono disponibili prove che dimostrino che ciò porti beneficio a (i) pazienti ipertesi senza complicazioni, (ii) pazienti con ipertensione di grado 1 e (iii) pazienti ipertesi anziani.

Fornire queste informazioni mancanti è importante al fine di giustificare gli effetti della terapia aggressiva in tutti gli ipertesi.

Lo studio in doppio cieco e randomizzato FEVER ( Felodipine Event Reduction ) è stato condotto su 9711 pazienti ipertesi cinesi, nei quali gli esiti cardiovascolari sono stati significativamente ridotti da un regime di trattamento più intensivo ( bassa dose di Idroclorotiazide e bassa dose di Felodipina ) che ha portato a un livello medio di pressione sistolica di 138 mmHg rispetto a terapia meno aggressiva ( bassa dose di Idroclorotiazide e placebo ) che ha raggiunto un livello di pressione sistolica medio di 142 mmHg.

FEVER ha incluso pazienti giovani e anziani, e pazienti con e senza diabete o malattia cardiovascolare.

Riduzioni significative nell'ictus sono state osservate nei pazienti ipertesi senza complicazioni ( -39%, P=0.002 ), nei pazienti ipertesi con pressione sistolica alla randomizzazione inferiore a 153 mmHg ( -29%, P=0.03 ) e in pazienti ipertesi anziani ( -44%, P inferiore a 0.001 ) con l'utilizzo del trattamento più intensivo.

Riduzioni significative ( tra -29 e -47%, P uguale a 0.02 - inferiore a 0.001 ) sono state inoltre osservate in tutti gli eventi cardiovascolari e in tutti i decessi.

Il raggiungimento di valori medi di pressione sistolica inferiori a 140 mmHg con l'aggiunta di una piccola dose di un farmaco generico ha permesso di prevenire 2.1 ( ipertesi senza complicazioni ) e 5.2 ( ipertesi anziani ) eventi cardiovascolari ogni 100 pazienti trattati per 3.3 anni.

In conclusione, queste analisi forniscono un solido supporto, finora mancante, alle linee guida che raccomandano un obiettivo di pressione sistolica inferiore a 140 mmHg nei pazienti ipertesi senza complicazioni, nelle persone con aumento moderato della pressione sistolica e nei pazienti ipertesi anziani. ( Xagena2011 )

Zhang Y et al, Eur Heart J 2011; 32: 1500-1508



Cardio2011 Farma2011


Indietro